Il sacro monte della Verna (Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna)

Descrizione: Nelle acrobazie compiute dagli alberi per rimanere aggrappati alla roccia, sorreggendo al tempo stesso la montagna, e nelle loro contorsioni verso il cielo, in cerca della luce, su un tappeto di macigni un tempo fondali oceanici, si nasconde la sacralità della natura. Agli inizi del 1200 il Monte Penna, maestosa rupe calcarea che si erge da un mare di argilla, fu donato dal feudatario di Chiusi a San Francesco. Su questa montagna ammantata di boschi, il Santo fece costruire i primi insediamenti religiosi, in perfetta armonia con l’ambiente naturale. Francesco, che soggiornò in questi luoghi in più occasioni nel corso di dieci anni, percepì la profonda forza spirituale del luogo e ne difese l’unicità, consentendo la sua conservazione fino ai giorni nostri. La foresta che circonda il Santuario è quindi uno dei luoghi più affascinanti del Parco Nazionale, grazie alla presenza di un ambiente selvaggio e diversificato, dominato dall’enorme mole dei alberi secolari (principalmente faggi e abeti bianchi, ma anche frassini, aceri, olmi, tigli …) che talvolta  si ergono come colonne di una cattedrale gotica, in altre occasioni si aggrappano con forza alle spettacolari rupi. La foresta avvolgente, i vasti panorami e i canaloni scoscesi sono parte fondamentale della spiritualità del luogo, il cui cuore è il bellissimo Santuario. Con questa escursione attraverseremo uno dei boschi più belli d’Italia e uno dei luoghi simbolo per la spiritualità cristiana, ammirando la perfetta armonia con la quale l’uomo e la natura hanno saputo dialogare.

“Gli Alberi sono santuari, chi sa parlare con loro, chi sa ascoltarli conosce la verità. Essi non predicano dottrine o ricette, predicano, incuranti del singolo, la legge primordiale della vita” (Herman Hesse)

Difficoltà: E (Escursionistico). Itinerario su sentiero segnato e  mulattiera, con dislivello di media entità e pendenze minime, eccezion fatta per una salita e una discesa leggermente ripide. Nessun passaggio difficile o esposto. Nel complesso il percorso necessita di un minimo di esperienza ed allenamento per escursioni in montagna.

Dislivello complessivo: circa 500 m

Lunghezza complessiva: circa 9 km

Tempo di cammino (soste escluse): 4 ore (da aggiungere il tempo necessario alla visita del Santuario)

Periodo consigliato: tutto l’anno (d’inverno sono necessarie le ciaspole).

Prezzo: 12 euro.

Per programmare e prenotare l’escursione, contattare la guida (email: riccardo.tognini@libero.it oppure numero di telefono 3287563371 ) almeno una settimana prima.

Informazioni utili: La quota comprende l’assistenza di una guida ambientale escursionistica abilitata ai sensi della L.R. 42 del 23/3/2000 e succ. mod. La quota non comprende il trasferimento con mezzi propri, il pranzo al sacco e tutto quanto non indicato nel programma. E’ facoltà della guida annullare l’escursione in caso di maltempo o di tempo incerto; è obbligatorio l’uso degli scarponi da montagna, ovvero la guida diffida dal partecipare all’escursione, chiunque sia sprovvisto di scarponi da montagna; i minorenni possono partecipare alle escursioni solo se accompagnati da uno o più adulti loro diretti responsabili; i minorenni sono sotto la diretta responsabilità dei genitori, insegnanti, accompagnatori di ogni titolo e grado o chi per essi. La guida è coperta da polizza RCT (responsabilità civile) sottoscritta da AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche). Copre la guida associata da tutti i rischi derivanti da responsabilità diretta o indiretta di quanto dovesse accadere durante l’esercizio delle sue funzioni professionali; il massimale è di 2.500.000,00 di euro. Per ulteriori informazioni, contattare la guida: Riccardo Tognini (tel: 3287563371; email: riccardo.tognini@libero.it )

Note su: difficoltà, dislivelli e tempi di percorrenza

Comments are closed.