La sorgente dell’Arno e il Monte Falterona (Parco delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna)

Descrizione: Raggiungere la sorgente del fiume simbolo della Toscana è un viaggio affascinante nella storia di questa regione. L’emozione di bagnarsi nelle sue acque, nel luogo dove queste sgorgano dalla terra, è un rito indimenticabile per chiunque abiti in una delle città che sorgono sulle sue sponde. Questa escursione ci consentirà di immergerci nella storia di questo magnifico corso d’acqua, e della sua relazione millenaria con l’uomo. Visiteremo il Lago degli Idoli, un tempo considerato sorgente del fiume, dal quale sono emersi innumerevoli ritrovamenti archeologici di epoca etrusca. Saliremo poi sul tetto del Casentino, rappresentato dal complesso del Monte Falterona e del Monte Falco, da dove potremo ammirare i morbidi rilievi toscani, da una parte, e le rocciose balze che si affacciano sul versante romagnolo, dall’altra. Gli splendidi prati della Burraia, luminosi e panoramici, saranno il punto di arrivo di questa semplice ma emozionante escursione.

Difficoltà: E (Escursionistico). Itinerario su sentiero segnato, con dislivello medio e pendenze non elevate, eccezion fatta per una salita e una discesa leggermente ripide. Nessun passaggio difficile o esposto. Nel complesso necessita di un minimo di esperienza e di allenamento per escursioni di montagna.

Dislivello complessivo: circa 600 m

Lunghezza complessiva: circa 12,5 km

Tempo di cammino (soste escluse): circa 5 ore

Possibilità di comprare il pranzo al punto di partenza (Rifugio CAI Città di Forlì)

Periodo consigliato: tutto l’anno, in inverno sono necessarie le ciaspole.

Prezzo: 12 euro.

Per programmare e prenotare l’escursione, contattare la guida (email: riccardo.tognini@libero.it oppure numero di telefono 3287563371 ) almeno una settimana prima.

Informazioni utili: La quota comprende l’assistenza di una guida ambientale escursionistica abilitata ai sensi della L.R. 42 del 23/3/2000 e succ. mod. La quota non comprende il trasferimento con mezzi propri, il pranzo al sacco e tutto quanto non indicato nel programma. E’ facoltà della guida annullare l’escursione in caso di maltempo o di tempo incerto; è obbligatorio l’uso degli scarponi da montagna, ovvero la guida diffida dal partecipare all’escursione, chiunque sia sprovvisto di scarponi da montagna; i minorenni possono partecipare alle escursioni solo se accompagnati da uno o più adulti loro diretti responsabili; i minorenni sono sotto la diretta responsabilità dei genitori, insegnanti, accompagnatori di ogni titolo e grado o chi per essi. La guida è coperta da polizza RCT (responsabilità civile) sottoscritta da AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche). Copre la guida associata da tutti i rischi derivanti da responsabilità diretta o indiretta di quanto dovesse accadere durante l’esercizio delle sue funzioni professionali; il massimale è di 2.500.000,00 di euro. Per ulteriori informazioni, contattare la guida: Riccardo Tognini (tel: 3287563371; email: riccardo.tognini@libero.it )

Note su: difficoltà, dislivelli e tempi di percorrenza

Comments are closed.